Associazione Amici della Musica

Betty Lo Sciuto

Betty Lo Sciuto

Betty Lo Sciuto, coreografa e regista, si è formata, in Italia e in Francia, con diversi maestri.
Ha curato la coreografia e la regia di numerosi spettacoli caratterizzati dall’interazione scenica tra musicisti, danzatori e attori.
Laureata in Psicologia, con studi di Psicoanalisi e Psicomotricità, ha approfondito il Qi Gong Terapeutico(metodo dott. Li Xiao Ming), antichissima disciplina cinese del benessere.
Ha condotto una ventennale ricerca sull’analisi del movimento, sulla relazione tra musica, danza e tra movimento e vocalità, elaborando il metodo Fine Movement Technique®, per la formazione del danzatore, con applicazioni al training dell’attore, dello strumentista e del cantante lirico. Ha diretto il Centro Coreografico-Musicale AdM (Amici della Musica – Trapani, 1998/2004).
Dal 1995 è condirettrice della Compagnia Moto Armonico Danza, che ha avuto significativi riconoscimenti di pubblico e di critica in Italia e all’estero. Tra gli spettacoli prodotti: Risonanze (1995), Come ombre nella casa (1995), Con dedica (1996), Passanti per la via (1996), Opus 3 (1998), Ouverture (1999), Mosaico (2000), Clinamen (2001), Singspiel (2002), Winter Happening (2002), Ke(2004), Elvira e Ruggero (2006), Malgré tout (2008), La vie en scories(Aix en Province – 2010), Point de vue (Teatro Libero, Palermo, 2012), Solo & duets (2013), Dancing in Sicily (2013), Abendrot (XIII Borsa Culturale Italo-Tedesca, 2014), Circle Time (2015). Opus 3 è stato uno dei tre spettacoli selezionati dalla Fondazione Romaeuropa per rappresentare la danza contemporanea italiana in Sud America (Santiago del Cile, 2000), con il supporto del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e il Ministero degli Affari Esteri. Clinamen, prodotto dal Teatro Teo Otto di Remscheid, è stato rappresentato al Festival internazionale Remscheid Tanz (Germania, Giugno 2003).
Dal 2007 al 2012 fondatrice e presidente della LIACOS(Associazione Coreografi Siciliani) e membro del Tavolo Nazionale delle Reti e dei Coordinamenti della Danza Contemporanea Italiana.Interprete e autrice della coreografia in: Ost-West Glocken, per la Televisione tedesca MDR (Weltglockenlauten, 2007), trasmissione girata a Roma in diretta in mondovisione; Dreamtime, (Festival Il fiume e la memoria, Pescara, 2007); Visual Concert, per il Festival Liquid Sound, Bad Sulza (Germania, 2007). Ha curato il libro La danza e il paesaggio, con testi del filosofo Luigi Lombardi Vallauri. Regista dell’opera Dido and Aneas di H. Purcell, (Erice 2011, Settimana di Musica Medievale e Rinascimentale). Ideatrice, coreografa e regista degli spettacoli: La forma del silenzio, con la poetessa cinese Xu Hong, i percussionisti A. Errera e V. Amato del Biogroove Duo, il violoncellista Alessio Pianelli e il maestro di Tai Chi Pino Lecce e Danzare per vivere, vivere per danzare, ispirato al libro di memorie della coreografa Helen Lewis “Il tempo di parlare – Sopravvivere nel lager a passo di danza”, con l’attrice Simona Malato e i danzatori Silvia Giuffré, Sara Bonsorte e Marco Calaciura (Amici della Musica, Trapani, luglio 2016).

vuoi rimanere sempre aggiornato sui nostri eventi?

iscriviti alla nostra

Newsletter

Altri Artisti

  • Arcis Saxophon Quartett


    saxofono soprano, saxofono contralto, saxofono tenore, saxofono baritono
  • Davide Vendramin


    bandoneon
  • Quartetto D'Archi Rimskij-Korsakov


    archi